Guarnigione di frontiera

0 Ratings

Dopo un giro d’affari andato per il verso sbagliato il famigerato contrabbandiere messicano Guillermo Magallanes ha avuto la sfortuna di venir tallonato da due rangers, i quali hanno ricevuto un’imbeccata in merito alla sulla sua fuga da una delle sue vittime in punto di morte. Riusciranno i due uomini di legge a consegnare Magallanes al giudice, in modo tale che si possa

Add to BookShelf

  • Genere:
  • Pubblicato:
    15 gennaio 2018
  • Tipologia:
    Stampato
  • Lingua:
    Italiano

Panoramica

Il libro

Dopo un giro d’affari andato per il verso sbagliato il famigerato contrabbandiere messicano Guillermo Magallanes ha avuto la sfortuna di venir tallonato da due rangers, i quali hanno ricevuto un’imbeccata in merito alla sulla sua fuga da una delle sue vittime in punto di morte. Riusciranno i due uomini di legge a consegnare Magallanes al giudice, in modo tale che si possa svolgere un regolare processo prima che la sua banda varchi il confine con il Messico?
I colpi di revolver. L’esercito confederato. Le lunghe cavalcate. Questo e altro in “Guarnigione di Frontiera”, un’avventura dal contenuto aspro, dove solo il più forte ha la meglio e dove il sangue freddo è un requisito essenziale in quelle terre ostili, caratteristiche solo del selvaggio west.

Capitolo 1

Un affare andato a monte

<<Ecco. Il posto è questo>> disse Guillermo, indicando verso valle. Il messicano, in sella ad un cavallo nero e dalla folta e corvina criniera, aveva cavalcato a lungo fino alle prime pendici di Hard Hook, in compagnia di due suoi fidati seguaci. Alvaro e Felipe diedero nuovamente un colpo di briglia e tutte tre le cavalcature imboccarono l’ultimo tratto di pendio, che portava al luogo dell’incontro. Un vecchio carro era seminascosto da un anello di roccia che gli girava tutto intorno, coperto da un telone logoro e male assicurato. Aveva appena smesso di piovere e le quattro ruote avevano tracciato i loro segni nonostante il suolo fosse molto duro, per via del carico pesante. Il terriccio veniva costellato dalle gocce stillanti degli aghi dei pini, che si specchiavano ai margini di una grossa pozza d’acqua, formatasi naturalmente dopo gli ultimi giorni di intemperie. Lì due uomini se ne stavano seduti su una pietra a fumare, coppia di sagome in attesa alle prime luci dell’alba. 

<<Le tue sigarette fanno veramente schifo, Logan. Riesci a farti sempre infinocchiare da quello stronzo di un rigattiere. La prossima volta compra del tabacco Belminton, invece che farti rifilare della segatura.>>

 Ad Earl piaceva strapazzare il giovane Logan e nonostante le sue lamentele in merito al tabacco scadente se ne stava a soffiare con gusto il fumo prodotto dalle paglie che il fratello aveva rollato con cura. 

<<La prossima volta la segatura la compri tu, visto che non fai altro che lamentarti da quando siamo partiti. Non dai molto l’impressione di quello che non riesce a fumarsele, le mie schifose sigarette. In mezzora te ne sei succhiate quattro. Mi sapresti spiegare il motivo di questa bizzarra contraddizione?>>

 domandò Logan, che metteva sul podio tutto quello che il fratello maggiore gli diceva, interessante o superficiale che fosse.

 Earl si gustò l’ennesimo tiro, espirò lentamente e con prontezza diede la sua scusante. 

<<Sai benissimo che quando si tratta di faccende come quella di oggi il nervoso mi obbliga a prenderci la mano. Semplicemente mi accontento della segatura, in mancanza di altro. C’è un detto che dice di mangiare la minestra. Se proprio non ti va di mangiarla ti tocca saltare dalla finestra.>>

 Logan arrotolò la cartina intorno ad una abbondante dose di tabacco, ben pressato, e tirò fuori dal taschino una scatola di cerini Cushy Fire. Si portò la fiamma alla bocca, quando i tre messicani arrivarono al carro

 << Buenos días! Avete fatto le ore piccole, señores?>> 

Fu Guillermo Magallanes il primo a prendere la parola, con la disinvoltura tipica di chi è del mestiere da parecchio tempo. 

<<Siamo qui dalle quattro e mezza. Diciamo che la frescura mattutina, il panorama e le sigarette ci hanno dato una mano ad ammazzare la noia>> 

disse Earl, sempre con quella spavalderia che lo distingueva dal fratello come il sale dal pepe. Guillermo gli regalò un sorriso sufficiente, che si troncò in un istante; era un uomo a cui piacevano i fatti e smontò da cavallo subito, seguito a ruota dalle due spalle. 

<<Io direi di passare subito agli affari, senza preamboli. Dica al suo hermanito di farci vedere la merce. Siamo in viaggio da parecchio e vorremmo concludere l’affare alla svelta, se non vi dispiace.>> 

Oppure Acquista un eBook Kindle

DETTAGLI
  • Tipologia: Stampato
  • Editore: Santi Editore
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10: 9788899531430
  • Dimensioni: 15cm x 21cm con copertina morbida
Recensione dei lettori

Valutazione media del cliente

0 Ratings
Recensisci per primo “Guarnigione di frontiera”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ancora non ci sono recensioni.

Registration

Forgotten Password?