La guaritrice delle anime

0 Ratings

Un'antica dottrina quasi del tutto scomparsa riemerge con tutta la sua forza guaritrice e liberatrice nella vita ormai distrutta di un uomo del tutto comune, John Carpet, che aiutato da un occasionale incontro con Donald Prince, verrà catapultato in una nuova, incredibile e nascosta realtà; la realtà dello ScyenTeck. Da Londra all'India, sospinto dalla sete

Add to BookShelf

  • Genere:
  • Pubblicato:
    13 agosto 2015
  • Tipologia:
    Stampato
  • Lingua:
    Italiano

Panoramica

Il Libro

Un’antica dottrina quasi del tutto scomparsa riemerge con tutta la sua forza guaritrice e liberatrice nella vita ormai distrutta di un uomo del tutto comune, John Carpet, che aiutato da un occasionale incontro con Donald Prince, verrà catapultato in una nuova, incredibile e nascosta realtà; la realtà dello ScyenTeck.
Da Londra all’India, sospinto dalla sete di conoscenza e da un inaspettato benessere psicofisico, John viaggerà insieme a una splendida ragazza di nome Jasmine, la sua Guaritrice. Ma un destino misterioso e magnifico attende John che gusterà dentro di se le meravigliose doti che regala il “Sesso Curativo”….

Capitolo 1

India meridionale, foresta di Sundarbans. Anno 8045 prima del Cristo

Seguendo il sentiero lo strano corteo proseguiva inoltrandosi sempre più nel folto della foresta. I coltellieri avevano fatto un ottimo lavoro le notti prima; l’erba era perfettamente rasata e fitta come un tappeto verde, le spine erano state estirpate dal cammino e pietre non intralciavano i nudi piedi. La foresta divenne presto così intricata che a stento la luce del vivido sole riusciva a passare e faceva sempre più buio. I lanternieri avevano acceso la notte prima le loro lanterne appese agli alberi per illuminare per una lega il sentiero sacro e ancora c’era luce. Qualche foglia secca scricchiolava quando veniva calpestata e funghi e radici millenarie facevano capolino ai lati della stretta via. La processione avanzava in fila indiana; tre splendide donne nude, un uomo nudo anche lui, altre due donne magnifiche a chiudere il gruppo, completamente nude anch’esse. Sorridevano, cantavano e danzavano mentre camminavano sul sentiero e l’uomo era con una costante erezione, mantenuta e alimentata dalla vista di quei bellissimi e statuari corpi femminei, dagli odori sessuali che rilasciavano nell’aria e dal massaggio continuo che, a turno, le donne gli praticavano ai testicoli e al pene. L’uomo indossava un elmo ricavato dal cranio cornuto di un grosso cervo e nulla più, quel pomeriggio faceva molto caldo e il sudore scorreva a rivoli sulla pelle eccitata. Le cinque donne, alcune molto giovani, altre più mature, erano state selezionate tra le più belle e sensuali del villaggio e una di loro era la… prescelta; tutte avevano lunghi capelli lasciati sciolti, alcune erano more, altre bionde e altre ancora rosse, tutte con pelle color dell’ambra, alcune con seni prosperosi, tondi e sodi, altre con seni piccoli e turgidi. Curve sinuose ed estremamente erotiche che avanzavano  e circondavano l’uomo che sembrava essere in procinto di una trance estatica e camminava quasi ubriaco. Le fanciulle quasi lo sospingevano, lo stimolavano continuamente, toccandolo, massaggiandolo, sfiorandogli i genitali e l’ano; talvolta si umettavano le dita con i loro liquidi vaginali e le sfregavano sul labbro superiore dell’uomo proprio sotto le narici, oppure facevano la stessa cosa dopo essersi infilato un dito dentro l’ano. Ora baciavano l’uomo avidamente sulla bocca, ora gli sfioravano appena le labbra e la lingua. La donna in testa alla fila indossava due stupende e grandi ali che sembravano di farfalla, ricavate con rami sottili intrecciati e legati con cordicelle e liane, pezzetti di stoffa e pelli colorate e fogliame erano uniti a formare la livrea; la bellezza di questa donna era inimmaginabile, doveva essere lei la prescelta. La seconda donna dai capelli lunghissimi e corvini aveva la pelle tatuata con scene di serpenti a caccia di roditori e anfibi e indossava una collana floreale. La terza donna aveva anch’essa una collana di fiori, i capelli biondi e ondulati e un paio d’ali di libellula. La quarta donna, dai capelli rossi e riccioluti aveva la pelle ricoperta da tatuaggi che rappresentavano alberi e radici intrecciate, rami, foglie e fiori, il tutto con disegni stilizzati e spiraliformi e aveva sulla testa una corona di foglie e fiori. La donna che chiudeva il corteo era la più sensuale; danzava e cantava più delle altre ed era la più giovane, bella e allegra come non mai, indossava piccole ali d’uccello fatte con rami e piume di pappagallo multicolori. 

A un certo punto le lanterne finirono ed erano così addentrati nella foresta che il buio era totale, ma vedevano egualmente perché miriadi di lucciole facevano una luce così intensa da rischiarare il sentiero verde brillante. I funghi divennero molto più grandi e variopinti e il muschio fresco ricopriva ora gran parte delle corteccie, delle radici scoperte e aeree e le rocce e i sassi; meravigliosi e intensi aromi antichi aleggiavano nella foresta umida.

Oppure Acquista un eBook Kindle

DETTAGLI
  • Tipologia: Stampato
  • Editore: Baciami Editore
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10: 9788899206338
  • Dimensioni: 15cm x 21cm con copertina morbida
Recensione dei lettori

Valutazione media del cliente

0 Ratings
Recensisci per primo “La guaritrice delle anime”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ancora non ci sono recensioni.

Registration

Forgotten Password?