Mariuccia L’amore che mi fu negato

0 Ratings

Incredibile storia d’amore di una ragazzina di quattordici anni e di uno studente sedicenne vissuta in un paesino del Sud. Mariuccia, di famiglia modesta, soggiogata da un padre padrone, e Antonio, figlio di uno stimato avvocato, sono le vittime inconsapevoli dei tanti pregiudizi tipici di un Sud retrogrado e fuori del tempo. Una storia degli

Add to BookShelf

  • Genere:
  • Pubblicato:
    18 dicembre 2016
  • Tipologia:
    Stampato
  • Lingua:
    Italiano

Panoramica

Il Libro

Incredibile storia d’amore di una ragazzina di quattordici anni e di uno studente sedicenne vissuta in un paesino del Sud. Mariuccia, di famiglia modesta, soggiogata da un padre padrone, e Antonio, figlio di uno stimato avvocato, sono le vittime inconsapevoli dei tanti pregiudizi tipici di un Sud retrogrado e fuori del tempo.
Una storia degli anni Sessanta che Mariuccia, mamma sartina a quindici anni, l’ha vissuta ai limiti della follia. Ha dovuto far nascere, su consiglio della zia emigrata da tempo in America, il suo bambino a New York, perché al paesino non dovevano sapere, evitando così un grande scandalo morale che avrebbe segnato e coinvolto tutta la famiglia. Prima di rientrare al paesino, ha dovuto poi accettare che il suo Anthony fosse dato in adozione.
Per sedici anni Mariuccia non è riuscita a convincersi di dover ignorare la nascita del bambino, frutto ‘proibito’ di quella breve e intensa storia d’amore con Antonio. Ingegnere in giro per il mondo, ignaro, per lunghi sedici anni, di essere il padre di Anthony.
La storia di Mariuccia, per un amore negato di un tempo, mette a nudo le morbose realtà di certi paesini dell’arretrato Sud. In modo particolare, per le ragazze, il significato della verginità da preservare e difendere ad ogni costo fino al giorno del matrimonio; per i giovanissimi innamorati i difficili rapporti sessuali compressi da atavici e assurdi pregiudizi.
Da questa storia, ricca di personaggi e di situazioni imbarazzanti, caratterizzanti di un certo modo di vivere, di un’epoca ormai superata, ne vien fuori un quadro mortificante per il Sud.
Nel contempo è anche una storia di analisi psicologiche per i personaggi che la vivono, per il significato di certi valori della gente del Sud, specie dei paesini presepe. Valori che probabilmente oggi, vissuti senza limiti comportamentali, andrebbero riscoperti per meglio interpretare e capire il mondo che ci circonda.

Capitolo 1

Mia cara nipotina Mariuccia, fiore del mio cuore, anche se sei troppo piccola per ascoltarmi e capirmi, ho voglia di raccontare solo a te la storia dell’amore negato di un tempo a questa tua povera e confusa nonnina.

 Una storia d’amore che mi ha condizionato una vita. 

So che ti fa piacere sentirtela raccontare; per me è come se ti  raccontassi una fiaba. 

Tu continua a dormire placidamente. 

Adesso avvicino la poltrona alla culla. 

Avevo quattordici anni nel 1968. 

M’innamorai follemente di una persona eccezionale. 

Anche lui mi amava. 

La passione ci aveva travolti entrambi. 

Facevamo l’amore con trasporto tale da renderci inconsapevoli. 

Quanta forza nascosta mi spingeva tra le sue braccia! 

Le mie labbra avvolgevano le sue con la libidine di chi si appartiene.

 Era la tempesta ormonale nel senso più travolgente. 

La bramosia di possederci era tale da non avere più il controllo e la padronanza delle nostre intimità. 

Il godimento dei sensi si cominciava a provare al sol pensiero d’incontrarci. 

Era l’amore, attore e regista della nostra vita. 

Ero felice, ma non potevo esternare questa intensa gioia. 

In quegli anni si ballava il twist dimenando il corpo di qua e di là. 

Era bello e strano vedere la donna che muoveva il bacino, caratteristico profilo femminile. Nel mio paesino questo primo scandalo per la morale del tempo veniva vissuto con grande omertà. 

Il twist si ballava in qualche casa, al chiuso.

 Le donne dovevano confrontarsi con una miriade di divieti e tabù sessuali, innominabili. 

La verginità si presentava come un valore inattaccabile e rispettato. 

Prima del matrimonio il rapporto sessuale era proibito, impensabile. 

E a queste cose non pensavo quando con Antonio e per lui rinunciai alla mia verginità.

 Non mi ero posto il problema morale, sociale e familiare del dopo.

 Il mio uomo sarebbe stato lui e basta. 

La sfrontatezza del rapporto, fatto di passione carnale, sublimava il nostro sentirsi amati. 

Comportamento davvero insolito per la mentalità del tempo. 

Oppure Acquista un eBook Kindle

DETTAGLI
  • Tipologia: Stampato
  • Editore: Santi Editore
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10: 9788899531188
  • Dimensioni: 15cm x 21cm con copertina morbida
Recensione dei lettori

Valutazione media del cliente

0 Ratings
Recensisci per primo “Mariuccia L’amore che mi fu negato”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ancora non ci sono recensioni.

Registration

Forgotten Password?